CANTINE APERTE E L’ECCELLENTE RISULTATO DELL’ENO-TURISMO IN ITALIA
CANTINE APERTE E L'ENO-TURISMO IN ITALIA- FOTO COVER- 23.05.18

di Laura Zini
Sommelier di www.spumantiallopera.it

 

La fioritura delle viti, coincide con la festa del Vino di Primavera.
Cantine Aperte da 26 anni, invita il pubblico, alla capillare conoscenza della cultura enoica del nostro paese: un’affascinante occasione di incontro e conoscenza ravvicinata degli interpreti del vino Italiano dalle Alpi alle Isole in una radiosa aria di festa che inebria ogni angolo di regione e provincia.

1

L’iniziativa coinvolge circa mille luoghi del vino che si fanno in quattro per accogliere i visitatori-turisti tra eventi originalissimi, feste, laboratori, incontri, degustazioni tematiche in abbinamento a prodotti tipici per una strepitosa diffusione di eno-gastro-cultura.

Da qualche anno il Movimento Turismo del Vino, promotore dell’evento, raddoppia e triplica la proposta turistica rilanciando diversi appuntamenti nel corso dell’anno; in settembre con Cantine Aperte in Vendemmia, a novembre Cantine Aperte a San Martino e a Natale Cantine Aperte per le Feste per agevolare il passaggio da semplice e occasionale incontro annuale ad affermata e consolidata tradizione di sistema, proprio a tema, di cui oggi il nostro paese ha notevole bisogno.

2

Il potenziale del comparto eno-turistico appare impressionante, anche se oggi si esprime ancora ben al di sotto delle sue ampie possibilità, quando nel resto del globo dal 2012 ad oggi gli eno-turisti hanno superato il miliardo di unità dimostrando un tasso di crescita del 4% l’anno.

Dei circa 65 milioni di turisti arrivati in Italia nel 2017 ben 14 milioni si dimostrano efficacemente attratti dagli scenari viticoli più famosi, segnando il più veloce trend di crescita registrato e generando un virtuoso business di circa 3 miliardi di Euro tra fatturato diretto e indiretto.  E’ importante ricordare che per ogni Euro pagato in cantina l’eno-turista ne spende altri 4 nella medesima zona, contribuendo ad aprire nuovi scenari turistici e aiutando il fenomeno di valorizzazione dei territori locali che diversamente passerebbero inosservati o andrebbero perduti.

3

Negli anni 80 nelle Langhe si era pensato di estirpare i vigneti a Nebbiolo per impiantarvi vitigni internazionali, ma fortunatamente si è poi realizzata un’inversione di tendenza valorizzando il territorio ed oggi il turismo dei wine-lovers da tutto il mondo celebrano proprio qui e durante tutto l’anno il vino dei Re e il Re dei vini Piemontesi attraverso le sue vigne riconosciuti dall’Unesco quale Patrimonio dell’Umanità.

Anche l’occasione offerta dalla manifestazione di Cantine Aperte vuole costituire una valida premessa alla trasformazione della propria organizzazione interna in chiave turistica facendo dell’accoglienza e anche della proposta gastronomica un motore di promozione efficace per sé e per il territorio.

4

Se rivolgiamo lo sguardo oltre ai nostri confini nazionali possiamo notare come anche in Nazioni di non consolidata vocazione enologica il fenomeno del turismo del vino sta ottenendo grandi successi da decenni, con itinerari che nessun turista, che si reca in quei luoghi,  può ignorare.

Al primo posto: Francia, con le ben note Route des Vins Alsaziane, Borgognone, e Bordolesi, poi Portogallo Valle del Douro, Spagna con Rioja , la California con Sonoma County e Napa Valley: a nord di San Francisco, 500 aziende su 50 km di estensione e con crescite annuali dell’11% di presenze enoturistiche a generare un fatturato da 1,4 miliardi di dollari e 10.500 addetti, la Repubblica Sud-Africana con la Wine Route da Stellenbosch, in Argentina l’area viticol-turistica di MendozaValle d’Uco, in Brasile la Vale dos Vinhedos, in Australia la Hunter Valley e New South Wales e in  Canada la Okanagan Valley e British Columbia, 300 km a nord di Vancouver, limitata area produttiva di soli 400 ettari, che riesce a generare un fatturato enoturistico, da 70 milioni di euro l’anno.

5
Inutile dire che se la Cenerentola Italiana partisse davvero anche in questo settore, non ci sarebbe storia per gli altri, considerando quanto di più il nostro paese potrebbe offrire oltre al vino!

Quindi è ora di rafforzarci e partire per le innumerevoli occasioni create ad hoc dalle Cantine Aperte aderenti!
Prepariamoci ad una totale immersione nei selezionati luoghi del vino programmando anche più di una tappa per conoscere e godere appieno delle diverse prospettive e opportunità offerte dalla magia della nostra Bella Enotria Italiana

6

… Buon Viaggio nel Vino a Tutti!

 

With the Courtesy of: – stradadeivinidelcantico.it – thepuglia.com – 1000roads.it – kj.com – eventreport.it – economia.ilmessaggero.it – funnyjunk.com – wineloverscollection.com – torino.diariodelweb.it – comunicareilvino.it – bvivre.blogspot.com – viaggiodietrolangolo.com – treninodelbernina.com – teatronaturale.it

Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>