LE NOVITA’ ENOLOGICHE DOPO VINITALY 2018
LE NOVITA' ENOLOGICHE DA VINITALY 2018- FOTO COVER - 2.05.18

di Martina Chianese
Sommelier di www.lamaisondugourmet.it

 

Il Vinitaly è appena terminato e come ogni anno dopo il grande evento ci si ferma a pensare, cercando di capire cosa ci ha lasciato la più grande fiera del vino al mondo. Prima ancora di delineare le nuove tendenze, bisogna fare i complimenti agli organizzatori, è stato davvero uno dei più bei Vinitaly a cui ho potuto assistere e sentendo molti miei colleghi l’impressione è condivisa, abbiamo partecipato ad una fiera finalmente molto internazionale.

1

E’ proprio l’internazionalità è la tendenza tra i vignaioli italiani che hanno visto il 2017 come anno record, l’Italia difatti è il primo paese al mondo per export di vino con un 7% in più rispetto all’anno scorso, raggiungendo i 6 miliardi di euro. Non solo grandi produttori ma tanti piccoli vignaioli si stanno aprendo ai mercati internazionali cambiando look e soprattutto rendendosi più visibile nel mercato estero tramite siti e agenti plurilingue.

2

I piccoli produttori e soprattutto il loro vino sono un’altra delle nuove tendenze degli ultimi anni sempre più ristoranti nelle proprie carte dei vino affiancano ai grandi marchi vignaioli sconosciuti i quali sopportano molto bene il paragone, inoltre queste piccole cantine spesso e volentieri lavorano in maniera biologica o biodinamica, il Vivit (Vigne vignaioli e terroir) evento all’interno del Vinitaly che si svolge oramai da qualche anno, raggruppa proprio i piccoli contadini che gestiscono la vigna da almeno tre anni senza chimica.

3

A capo di queste piccole aziende vinicole ci sono sempre più donne, spesso cantine ereditate dalla famiglia. Questa tendenza di un vino sempre più “rosa” è dimostrato anche dai numeri: secondo i dati forniti dall’Associazione Donne del Vino, le cantine a guida femminile sono circa 115 mila e corrispondono al 30% del totale. Di queste, il 77% si concentra su produzioni di alto profilo DOC o DOCG.

4

In questo anno che ci separa dal prossimo Vinitaly vi consigliamo dunque di bere responsabilmente e di qualità scegliendo tra i tanti piccoli produttori che abbiamo, preferendo se si può un vino biologico sapendo che uno su tre certamente sarà di un’azienda gestita da donne.

5

 

With the Courtesy of: – repubblica.it – selectahotels.com – amalfinotizie.it – vinosano.com – ifood.it – vino-bio.com – ledonnedelvino.com. – ledonnedelvino.com – giordanovini.it – eataly.net – gustandomagazine.it – riscaldatori-elettrici.it – gourmet56.com.br

 

 

Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>